martedì 9 dicembre 2008

Perché ci sono le violenze sulle donne?



Ciao a tutte/i :-)
Visto il successo dell’ultimo post e l’importanza dell’argomento, sento che c’è la necessità di spiegare bene come avvengono le violenze sulle donne, e come evitarle.

La prima risposta e la più ovvia, è di costatare che c’è un uomo che
per qualche motivo, abusa in diverse forme di una donna…
Avviene così per il 90% dei casi circa, e nel 10% c’è una donna che abusa di un uomo…
Analizzo la maggioranza dei casi, dal profilo del Voice Dialogue e dei Sé Interiori.
Se sei nuova/o del blog, ti invito a leggere i post prima di questo, in cui spiego la tecnica del Voice Dialogue.

Gli uomini abusano di una donna con diversi Sé Interiori e a diversi livelli:
fisici (violenza fisica), sessuali (violenza carnale) e psicologici
.
Spesso ad una violenza si sovrappone l’altra :-(.
I motivi sono tanti, ma secondo me, sono tutti figli di due atteggiamenti profondi: l’Ignoranza e la Paura.

Naturalmente spesso un uomo che è abituato ad esprimersi con la violenza, ha subito violenza nella sua infanzia.
Ma anche in questi casi di forti irretimenti famigliari”, è sempre l’ignoranza e la paura di un padre, che si imprimono come modello comportamentale.

Bert Hellinger, il creatore della straordinaria tecnica delle Costellazioni Famigliari, chiama irretimenti il passaggio di un modello di comportamento fisso e inconscio, attraverso un’ impronta energetica ereditaria da un genitore, un nonno, e addirittura un antenato di diverse generazioni.
Ho potuto costatare, nei miei allievi e moltissime volte, che a questa legge non si sfugge, e io consiglio vivamente di fare almeno due Costellazioni durante il mio percorso di aiuto…

Delle Costellazioni Famigliari, sicuramente scriverò un post perché è un argomento straordinario e molto importante..!
Per chi fosse più abituato a ragionare in termini Karmici, l’irretimento famigliare, si può ben considerare ad un Karma famigliare che si sovrappone al karma personale e a cui non si sfugge, ma si può solo sciogliere.

Comunque tutto torna e nasce, sempre dall’Ignoranza e dalla Paura.
In questo caso delle donne.
Il potere e l’essenza del femminile, non è stata né compreso né accettato negli ultimi 3000 anni, e questo ha generato il potere Patriarcale e Religioso con cui giustificare una società che tollerava ogni tipo di violenza sulle donne.
Quando scrivo “l’essenza del femminile”, intendo anche le capacità femminili insite nell’emisfero destro del cervello di ogni persona e anche in un uomo; come l’intuizione, le capacità artistiche, le capacità più immaginative e le capacità medianiche ecc…
Non a caso, la nostra società si è evoluta dando più risalto alla ragione, il calcolo e a tutte le caratteristiche dell’emisfero sinistro del nostro cervello.

Quindi, tornando alla nostra domanda, la prima vera risposta sarebbe quella di dire che gli uomini dovrebbero iniziare un percorso interiore per sciogliere tutte le loro paure e incomprensioni del mondo del Femminile, sia interno che esterno.
Questo permetterebbe, o perlomeno li aiuterebbe a sciogliere le rabbie e gli impulsi sessuali fuori controllo.

Ma questa è solo una risposta, non la risposta complessiva.
E’, tra l’altro, una costatazione che non serve molto alle donne, nel senso che una donna non può fare niente affinché il processo di auto guarigione di un uomo abbia inizio…
Nessuno può aiutare nessun’altra persona, se questa non abbia deciso spontaneamente di iniziare il proprio percorso di crescita. Questa è una Legge Universale.

Quindi cosa puoi fare tu personalmente per evitare di attrarre una violenza di qualche tipo nella tua vita?
In parte ti ho già dato alcuni consigli nell’altro post ma, secondo me, la risposta la trovi in un'altra domanda che tutte le donne si dovrebbero fare…
Perché un uomo abusa di Letizia anziché di Eleonora (nomi di fantasia)..? Cioè, perché un uomo violenta proprio quella donna, anziché un'altra..?
Di oltre 6 miliardi e mezzo di persone su questo pianeta, sembra che almeno 3/5 siano donne, quindi la percentuale di subire una violenza “casuale”nella vita, non è poi così altissima…
Allora perché un uomo è attirato proprio da quella donna, anziché quella vicina..?

E’ provato che la componente della pura bellezza fisica ed esteriore, non è sempre un punto di riferimento.
Molti serial killer o violentatori abituali, nelle loro interrogazioni, hanno confessato che la scelta della vittima avveniva per altri parametri, anche se non sapevano spiegare cosa era quel “sentire” per cui sceglievano una particolare donna.

Hal Stone, il creatore del Voice Dialogue, tra le tante cose che ha fatto, ha anche lavorato come psicologo in un carcere americano (non ricordo dove..?) e ha fatto un esperimento molto empirico.
Ha preso 2 maniaci sessuali e li ha posti dietro lo specchio “magico”, quello per gli interrogati e i confronti all’americana, che si vedono in molti film.
In questo caso al contrario però, i maniaci come spettatori e 10 ragazze oltre lo specchio.

Le donne erano di diverse età e di diversa bellezza e appariscenza.
Alla domanda di segnalare quale di quelle donne, avrebbero violentato, se ne avessero avuto la possibilità… entrambi i carcerati, hanno risposto indicando una donna specifica che non era ne la più bella, ne la più vestita in modo provocante.
Quella ragazza era l’unica tra le 10 che era stata violentata in passato!

Quindi questi esperimenti, dimostrano che c’è un altro importante fattore da prendere in considerazione: l’Energia!

L’energia segue il pensiero, e se tu non hai ripulito la tua mente e il tuo inconscio dal trauma di una violenza subita in passato, il campo energetico del tuo corpo emana una vibrazione da vittima che attira inevitabilmente un carnefice!

Ho potuto constatare moltissime volte che è proprio così.
Molte donne che hanno subito una violenza, ne subiscono un'altra nell’arco della propria vita, finché non cambiano la propria vibrazione ed escono dalla paura.

Nei termini del Voice Dialogue, significa che le donne italiane normalmente vivono e camminano nella vita quotidiana e sociale, con i Sé Interiori sbagliati.
In Italia le donne hanno una Bambina Interiore e un Adolescente Interiore, troppo presenti e non “accuditi” nel proprio processo psicoenergetico interno.
Questa è un meccanismo inconscio molto comune in Italia, e anche molto tipico e particolare, che difficilmente si trova negli altri paesi europei.

Ne ho già parlato nei precedenti post, e ne farò altri più specifici, ma per il momento vorrei che comprendessi che è questo che fa scegliere una vittima specifica ad un carnefice.
E’ anche per questo che le violenze nell’infanzia sono purtroppo così frequenti.
Oltre che per la follia degli uomini, naturalmente.

Questo però, è un punto su cui tu puoi lavorare, perché l’energia segue il pensiero anche nell’altro senso, e ne hai la responsabilità, verso te stessa :-).

Quando Yoganada (il primo maestro indiano che ha aperto un centro Yoga negli USA) apri il suo centro nella periferia più malfamata e violenta di Chicaco, le sue allieve gli dissero che avevano paura ad andare a fare le lezioni serali e tornare da sole in autobus la sera.
Lui gli spiego che era una questione di energia e di purezza di pensieri, e gli dette da fare alcune visualizzazioni e preghiere di protezione specifiche.

Nessuna donna allieva di Yogananda, subì mai una violenza nel tragitto casa-centroyoga, nonostante l’obbiettiva situazione di potenziale pericolo in cui si trovavano.
Naturalmente potrei citarti innumerevoli altri casi, e anche di mie allieve…

Tradotto nei termini del Voice Dialogue, significa che dovresti andare in giro non prima di esserti centrata e attivato un Sé Interiore tipo la foto che ho messo all’inizio :-).

Naturalmente questo processo è facilitato da un percorso di lavoro con un buon terapista, e nel caso di una violenza subita in passato, diventa quasi obbligatorio.

Ci sono però tante cose che puoi fare che puoi fare come una buona pratica quotidiana di protezione.
Il principio è quello di diventare responsabili non solo delle tue azioni, parole e pensieri, ma anche della tua energia..!

Delle varie visualizzazioni, centrature, attivazioni, attitudini, protezioni e trucchi vari che puoi usare nella tua vita, te ne parlerò nei prossimi post, altrimenti questo diventa troppo lungo.
Ne farò uno anche in cui ti spiego quali sono i Sé Interiori giusti da attivare nelle varie situazioni del tuo quotidiano e di come proteggere la tua Bambina Interiore, che è il passo più importante della tua evoluzione.

Anche dei casi di “violenza al contrario”, cioè di una donna su un uomo, ne riparlerò in altri post…
Per oggi non vorrei caricarti troppo di nuovi concetti ed è bene che metabolizzi questi.

Ciao, un abbraccio dal cuore :-)
Simone.

P.S= ti ricordo che puoi mettere la tua foto nel blog, nella colonna in basso a destra…

23 commenti:

  1. Simone carissimo,

    come sempre concordo con te con le mie esperienze dirette.

    Avevo già testimoniato di cosa attraevo anni fa ...e nonostante avessi cambiato radicalmente il modus vivendi, lo Stato, le persone, l'attività il modus mentale cambiava meno in fretta.

    Questo si manifestava nella Vita con il fatto che cambiava tutto ma non la tendenza di attrarre le persone che mi "donavano" la violenza. In realtà fungevano da specchio.

    Cosi ho smeso di attrarre la violenza crudele ma comunque attraevo ad esempio l'uomo che passeggiava con il cane e lo picchiava. Io che non stavo mai zitta dinanzi alla violenza gli avevo intimato di smetterla.

    Con il risultato?

    Che voleva picchiare me - donna incinta di 8 mesi!


    La cosa sorprendente è che questo avveniva nel posto isolato dove era difficile incontrare persone.

    Ora che viaggio di notte, incontro tantissime persone, sono più affascinante ecc attraggo le persone generose, amichevoli ed illuminate.

    Per la legge dei numeri dovrei ora più di prima attrarre la violenza...

    ...fortunatamente la Legge di Attrazione è una Legge Universale, quella dei numeri solo Terrena ;-))

    Non sono molto importanti i pensieri, ma le emozioni che lì accompagnano si!

    Un googolplex di abbracci.

    P.S. Gli orientali mangiano molto riso attivando l'energia del plesso solare, gli Europei mangiano molto grano attivando l'energia del razioncinio.

    RispondiElimina
  2. Ciao Simo, sempre costruttivi ed istruttivi i tuoi post.
    Per esperienza personale, posso dire che gli uomini che aggrediscono (in forma fisica e verbale) sono mossi essi stessi dalla paura.
    E' la paura (e l'insicurezza) il movente principale.
    Come poi accenni te..ci sono anche casi di uomini sottomessi alle donne le quali infliggono ai loro compagni umiliazioni della peggior specie.
    Questo lavoro sul migliormaneto della propria energia che manda segnali del tipo "eccomi, sono la vittima" andrebbe fatto quindi per ambo i sessi, secondo me.
    Grazie per la tua attività di blogger. Il tuo lavoro è produttivo, sano e amorevole.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  3. Ciao Simone,
    nel commento al post precedente c'era un fesso che sosteneva questa cosa di assumersi la responsabilità della propria vita e gli è stato detto - tra le altre cose - che in questo modo giustificava la violenza alle donne...
    :-P
    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina
  4. Ciao Anita :-)
    Grazie ancora della tua testimonianza che più di tante parole, può portare esempio di verità e crescita..!

    Oggi voglio fare un pò di pubblicità a questa donna meravigliosa, che negli ultimi mesi ho imparato a conoscere e rispettare anche per il suo lavoro.

    Anita Kalsek, nonostante la vita difficile che ci ha raccontato (con grande coraggio e umiltà), ha trovato il tempo e la forza di fare due figli e di diventare naturopata di ottimo livello.
    Proprio in questi giorni ha lanciato un ottimo prodotto "al femminile", per dimagrire.

    Quindi vi consiglio direttamente di andare a visitare il suo bel sito:
    http://www.anita-kalsek.it/index.html

    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone :-)

    RispondiElimina
  5. Ciao Simona :-)
    Grazie del tuo commento...

    In effetti, quando ci sono i casi di "violenza al contrario", credo che lo schema energetico sia lo stesso, solo con le polarità invertite...
    Nel senso che i Sé Primari ed energetici nell'uomo sono femminili, e nella donna maschili... ma sempre di una dinamica energetica di vittima/carnefice si tratta.

    L'unica differenza che ho notato in questi casi, è che la violenza di un uomo ha come retroscena spesso una frustrazione, mentre la violenza delle donne è più vendicativa... e in aumento, almeno nei paesi occidentali, dove è l'unico posto in cui si può esprimere...

    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao Josè :-)
    Forse quel fesso, a cui ti riferisci, aveva espresso male un buon concetto..!?
    Forse lo aveva espresso in maniera che sembrava parziale e tutta colpa solo delle donne..?!
    Forse, semplicemente, non era stato compreso..?!

    Comunque sappiamo tutti che tanto fesso non sei..! ;-)

    TVB, ciao un abbraccio :-)
    Simone

    RispondiElimina
  7. Infinite grazie Simone!

    Un abbraccio senza fine...

    Anita

    RispondiElimina
  8. Ciao Simone,
    bellissimo post!
    Avevo letto il post precedente e anche i commenti e impaziente aspettavo il seguito. Ora non vedo l'ora di leggere come attivare i Sè interiori giusti per le varie situazioni.
    Ti auguro una pronta guarigione e grazie di nuovo per il post.
    Felicia

    RispondiElimina
  9. Bellissimo questo post, e sicuramente illuminante su come spesso noi donne diventiamo vittime di un certo tipo di immagine che ci siampo creati che attira spesso determinati uomini non necessariamente dei violentatori, ma credo possa anche riferirsi al fatto di incontrare sempre lo stesso tipo personaggio, diverso dagli altri, ma le dinamiche sono sempre le stesse.
    Un grosso ciao
    Maria

    RispondiElimina
  10. Ciao Felicia :-)
    Grazie del bel commento e degli auguri di guarigione, sei molto gentile :-)

    Il nuovo post, lo sto già "scrivendo" nella mia testa ma dovete avere un pò di pazienza perchè più di un post ogni 10 giorni circa, non riesco a scrivere... causa gli innumerevoli impegni.
    Gli argomenti poi sono "pesanti" e quindi non posso spiegarli in brevi post.
    Inoltre ritengo che tra un post e l'altro, abbiate bisogno anche voi di tempo per metabolizzare i contenuti...

    Ciao, un abbraccio dal cuore :-)
    Simone

    RispondiElimina
  11. Ciao Maria :-)
    Grazie dei complimenti.

    Adesso sto parlando del caso specifico di quando le donne attirano una violenza, ma c'è anche un altra casistica che è molto importante per voi da capire e di cui parlerò diffusamente in futuro...

    Quando voi donne avete come Sé Primario la Bambina Interiore o L'Adolescente, cosa che succede quasi sempre, se vi va bene (nel senso che non attirate un carnefice nella vostra relazione)attirate un compagno che ha come Sé Primari un "Padre Accudente", un "Figlio Bisognoso" o un "Compagno di Giochi".
    Nel senso che una relazione di coppia, ha una dinamica psicoenergetica interna "genitoriale" o "fraterna", di solito a discapito della passione e della sessualità.
    Ma ne riparleremo diffusamente...

    Ciao un abbraccio dal cuore :-)
    Simone

    RispondiElimina
  12. Do' il mio piccolo contributo citando un Giovane Uomo di 10 anni, che pulito pulito, alla domanda:
    "Perché le persone sono violente?"
    risponde:

    1) perché vogliono esserlo
    2) perchè sono obbligate
    3) perché hanno subito violenza

    E a me, non viene da aggiungere altro.
    Un abbraccio a tutti i presenti, :-).

    RispondiElimina
  13. Ciao cara Rebecca :-)
    ma chi è questo bambino Indaco, tuo figlio..?
    Belle risposte non c'è che dire...

    Se è lui, non mi stupisce con una madre come te... ;-)
    Per chi non la conosce, Rebecca Bardella è una persona squisita che un blog e dei prodotti che vi consiglio...
    www.quasifacile.com/metodoistintivo

    Non è ancora brava come me, ma poco ci manca ;-)
    Ciao un abbraccio dal cuore :-)
    Simone

    RispondiElimina
  14. Ciao,

    grandissima, profondissima ed evoluta Rebecca che ha veicolato il meraviglioso Essere Cristallo!

    Un abbraccio ragazzi!

    Anita

    RispondiElimina
  15. Ciao Simone,
    grazie per i tuoi post sono sempre favolosi, sono un grande aiuto perchè per prima cosa ci fanno riflettere su noi stesse. Da quando li leggo finalmente certi meccanismi iniziano ad avere un senso e a diventare sempre più chiari.
    Buona Settimana.
    Ci dirai come si fa ad attivare il Sè di Wonder Woman? Grazie per avermela ricordata, era la mia eroina preferita. E' sempre bella e magica - come ogni donna, peccato che lo dimentichiamo, ma ora grazie a te queto non accadrà più.
    A presto.
    Diana

    RispondiElimina
  16. Ciao Diana :-)
    Grazie del tuo bel commento e dei complimenti...

    Per come la vedo io, voi donne siete già tutte Wonderwomen, a sopravvivere di questi tempi... basta solo che ve lo ricordiate più spesso :-)
    Nel prossimo post, cercherò di darvi dei buoni trucchi...

    Ciao un abbraccio dal cuore :-)
    Simone.

    RispondiElimina
  17. Ciao a Tutti,

    sono Elisa e spero di avere tempo di sicrivermi presto, ora scrivo al volo, senza utente perchè ho una ttimo di tempo,visto che la mia bambina (e non aprlo di quella interiore ma di quella relae di otto mesi!!)dorme.
    Io posso portare un caso al contrario, nel senso che non mi sono mai sentita presa dalla ansia o dalla paura di essere oggetto di violenza maschile, ho sempre sentito dentro di me un sè "guerriera" che so che mi avrebbe difesa dalle violenze maschili.Forse anche perchè io non ho rcicevuto un educazione tipicamente italiana,visto che mio padre è tedesco.
    L'unico episodio che posso citare, in cui ho avuto paura, è quello sotto riportato.
    Una sera una amica mi invito' in un locale in centro, io andai e a quel tempo in centro non c'era un gran bel giro...cmq il succo è che finita la serata io ero pronta per andare a casa, quando la mia amica mi disse :"stai attenta ad andare a casa sola,con la brutta gente che c'è, non vuoi che qualcuni ti accompagni?" ...e io tutta convinta le dissi che non avevo bisogno.Stranamente quella sua voce inizio' a lavorarmi dentro e andai via tutta impaurita.Quello che posso dire è che fu l'unica serata in cui mi fermo' un losco individuo, cercando di chiamarmi e fermarmi in tutti i modi e devo dire che ho avuto davvero paura.
    Questo per dire che la teoria dei sè che noi attiviamo è estermamente vera, basta avere un energia e non serve nemmeno parlare, che gli altri intorno agiscono di conseguenza.
    Altra cosa che volevo dire è che la violenza peggiore per le donne credo che sia quella psicologica, quella delle minacce, perchè difficlmente puo' essere provata e puo' essere quindi fermata.Tante donne si ritorvano a subire la violenza di uomini che ricattano o usano tutti i mezzi per intimorirle e davvero in quei casi la legge e le forze dell'ordine possono fare poco.Credo che sia importante che le donne diventino consapevoli della possibilità di regire, almeno con il lavoro su di sè e per questo ringrazio Simone, che porta a galla quaesti importantissimi temi e ci dà modo di parlarne qui.

    Un abbraccione!
    Elisa

    RispondiElimina
  18. Ciao Elisa e benvenuta nel Blog :-)
    Molto bello il tuo commento e ti ringrazio molto per averlo fatto...

    In effetti il tuo esempio ci ricorda di come siamo tutti molto influenzabili dall' esterno, e spesso prendiamo le paure degli altri.
    Pensate a quanto siamo bombardati in ogni telegiornale e dai mezzi di informazione di paure create ed alimentate ad arte, per attivare in noi uno stato di non tranquillità che ci permetterebbe di non attrarre nessuna situazione di pericolo... ma di questo ne riparleremo.

    Per quanto riguarda le diverse violenze, mi sono chiesto spesso anchio quale sia la peggiore per voi, ma non potrò mai saperlo perchè sono un uomo... e comunque credo che siano davvero tutte pesanti da portare.

    Ciao Elisa, un abbraccio dal cuore :-)
    Simone.

    RispondiElimina
  19. Ciao Simone,

    complimenti! Sempre ottimi i tuoi contributi.

    C'è tanto da imparare per chi ha voglia di farlo! :-)

    Paura ed ignoranza sono due bestiacce,
    che si possono sconfiggere mettendosi in discussione con umiltà e coraggio.

    Seguire la massa, tanto lo fan tutti, senza mai chiedersi se ci sono altre strade , oppure come posso migliorare, cambiare nutre le paure. Paura significa ignorare (non conoscere).

    Purtroppo, se non si è coscienti, o per fortuna, se lo si è, ognuno crea la propria realtà. Proietta il proprio film, la propria illusione (con riferimento a Richard Bach) e ci annega o sguazza a dipendenza del caso :-)
    E' uno specchio di tutto quanto sfugge alla mente conscia...

    L'importante è avere gli strumenti per districarsi in questi immensi meandri inconsci ed energetici...Meno male che in questo ci dai una bella mano! :-))

    Accrescere quotidianamente la propria “conoscenza” per uscire dall'ignoranza
    e non lasciarsi “manipolare” mentalmente è libero arbitrio.

    Nessuno ti obbliga a guardare immagini violente, urtanti, che mettono paura in tv tanto per cominciare. Solo questa piccola scelta fa una bella differenza, parlo per esperienza.

    Nessuno ti obbliga a frequentare persone negative, che si lamentano in continuazione o parlano, parlano, parlano degli altrui affari...e ti prosciugano energeticamente,

    Almeno fintanto che non si come o cos'è rimanere centrati e distaccati da ciò, il che presuppone un po' di esperienza :-)

    Io da tempo ho fatto “opera di filtraggio” in ciò di cui mi circondo.
    Bisogna potare i rami vecchi per rifiorire. Così è stato.
    E quante belle cose mi succedono, quante belle persone (come voi) incontro (attiro)!

    Concludo :-)

    Cosa mi puoi dire sul soppravvento dell'istinto-amore materno quando si diventa mamme? ... anch'io ho un mio bel da fare con i miei tre bambini reali oltre a quello interiore :-)))

    Sono curiosa di leggere il seguito :-)

    Un abbraccio, a presto!

    RispondiElimina
  20. Ciao Nelly, grazie del tuo bel commento :-)

    Io credo che si possano vedeere L'ignoranza e la Paura come il Padre e la Madre di ogni difetto e limite (figlio) di ogni persona...
    Se tutti noi saremmo nell'Amore e nella consapevolezza, pensa a che qualità ed azioni, riusciremmo a compiere e a manifestare... :-)

    Una "pulizia" di situazioni e persone, che non sono più al nostro livello di consapevolezza e vibrazione energetiche, sono necessarie nella nostra vita... e, penso io, anche di uso corretto e bilanciato della tv, videogame ecc...
    sopratutto nei figli piccoli ed adolescenti.
    Credo che tu la pensi come me..!?

    Non sono sicuro di aver capito bene questa domanda..."Cosa mi puoi dire sul soppravvento dell'istinto-amore materno quando si diventa mamme?" comunque di questi argomenti pensavo di parlarne più avanti, abbi un pò di pazienza...

    ciao un abbraccio dal cuore :-)
    Simone.

    RispondiElimina
  21. GRAZIE SIMONE leggendo un pezzo del tuo post! ci sono violenze e violenze ...in questo periodo io ne sto vivendo una sul lavoro ma non fisisca ... si chiamerebbe "mobbing" ma essendo in cammino da un po e conscendo abbastanza i concetti che tu esprimi molto bene sto CERCANDO di vivere questa situazione con quella consapevevolezza che la situazione è un percorso che la mia anima ha bisogno di vivere per comprendere concetto a cui tu riporti nei tuoi scritti...
    Ora mentre stavo leggendo qusto tuo post ho vissuto un "flasch" mi si è illuminato un'altro riflesso del "perchè" io stia vivendo questa mia esperienza... SE TU NON HAI pulito il tuo campo aurico da precedenti violenze "simili" emanerai quell'energia che ti renderà vittima per i tuoi aguzzini e sarà la tua energia stessa ametteri e7e a cercare di farti andare in quella situazione proprio per riviverla per aver la possibilità di:
    1) accorgerti che c'è ed esserne consapevole
    2) sapere che la tua anima ne abbisogna per COMprendere ed esserne consapevole
    3)"Linkarla" e pulirla con quelle tecniche di cui ciascuno è a conoscenza tu ne hai elencate diverse e molte di queste anche conosco e pratico. Ma da 4 anni utilizzo proprio per "pulire" da energie disfunzionali, comandi autoimposti, agglomerati di energie dolore, depositi residui ed altro ancora l'eterico, corpi istintivo emotivo mentale e sottili una tecnica davvero "risolutiva ed incredibile!"
    e oggi attraverso la tua lettura ho "linkato una di queste "grosse grosse" ... grazie! grazie! ciao Simone
    Antonella

    RispondiElimina
  22. Ciao Antonella, sono contento che il mio post ti sia stato di aiuto :-)

    Dopo che ne hai parlato così bene, sarei curioso di sapere qual'è la tecnica che usi..?

    Ciao un abbraccio dal cuore, simone.

    RispondiElimina
  23. silvia pasqualetti29 novembre 2013 10:36

    Aspirare al tanto stradetto equilibrio dei due poli,rispettivamente femminile e maschile e viceversa presente nei due generi,costituisce ancora un buon vettore da seguire,praticare nel pensiero,meditazione e
    comportmento,e coi problemi attuali,sociali,civili,personali,non è affatto da darsi per
    acquisito.Di fatto nella conoscenza tra due creature di
    genere opposte,il primitivo scatto di interesse,sessualità omessa,è questo istintivo bisogno di conoscere ed assorbire le caratteristiche dell'altro,dentro un processo che dapprima inconscio,diviene progressivamente preconscio e infine
    abbraccia un meccanismo di mera consapevolezza per così dire più esposta alla luce del sole.
    Se un pari interessamento di conoscenza e armonica acquisizione ci portasse costruttivamente,verso il cosiddetto altro,secondo i crismi del rispetto che si devono alla vita creaturale e animica,tutto il nostro portato esistenziale rientrerebbe in una corretta pista
    di sensibilizzazione e accettazione delle differenze,ad
    abbattere ogni superiorità presunta,pregiudicante e irretente di superego,che in opera significa un pericoloso passo di svantaggio per la persona che lo
    impone(ovviamente esito di un profondo frustrare la medesima carica di frustrazione evidentemente presente in partenza)a nocumento di chi la subisce,che spesso non predispone neppure deglistrumenti di difesa necessari per non incorrere in una strenua ma fragile autodifesa del tutto inefficace,se non impotente al compito.
    Il suggerimento in questi casi che inclinano al dannoso,è quello di non reputarsi supereroi di una missione impossibile,ma staccare tempestivamente un processo di cui si possono preconizzare i nefandi traguardi,nelle massime acutizzazioni di dinamiche che
    diverrano troppo tardivamente,inevitabili.Daltronde il rispetto delle vite esige l'accettazione delle regole che governano le stesse nature umane implicate,e contestualizzate in scenari familiari e amicali,che possono lasciarci quantomeno perplessi,sulla possibilità di fornire ,per noi inseriti,anche se provvisori,
    processi evolutivi adeguati alle nostre individuali esigenze umane.

    RispondiElimina